Relazioni extraconiugali: quando una sola avventura non basta

relazioni extraconiugaliL’universo delle relazioni extraconiugali si rivela ricco di sorprese e, molte volte, anche le persone più insospettabili incappano in scappatelle più o meno frequenti. Ciò che continua a colpire è tuttavia l’alto tasso di coppie che rifiutano i cliché del ‘tradimento’ e che quindi assumono una posizione sensibilmente diversa sull’argomento. Le relazioni extraconiugali vengono valutate come parte naturale di una relazione. Sono quindi – di conseguenza – frequentemente accettate e contemplate dai partner in nome dell’amore e della salvaguardia del rapporto. Naturalmente, alcune persone giudicano questo tipo di rapporto sciocco e difficile da realizzare, mentre altre lo considerano reale e privo di ipocrisie. Ma dove risiede la “verità”?

Impossibile sostenerlo con certezza. Le statistiche sembrerebbero propendere con maggiore convinzione dalla parte del secondo gruppo, almeno a giudicare dalla quota di persone che ogni anno varca i confini delle frequenti relazioni extraconiugali.

Relazioni Extraconiugali: cosa succede quando un’avventura non basta?

Cominciamo con il ricordare che le relazioni extraconiugali possono distinguersi in due diverse tipologie: le scappatelle mordi e fuggi, sostanzialmente occasionali, e quelle complesse e prolungate nel tempo. Le prime rivelano generalmente che la coppia “originaria” stava soffocando e che almeno uno dei partner non era felice della situazione sentimentale che stava vivendo. La seconda rivela, invece, un’attaccamento alla persona con la quale si sta tradendo, e conseguente possibilità di abbandono della famiglia o – di contro – di un pentimento postumo. In altri termini, la prima è una questione di sensi, mentre la seconda implica situazioni legate alla mente e ai sentimenti.

Cosa fare, dunque, se le relazioni extra coppia sono molte e frequenti? Cercate di valutare questo comportamento come sintomatico di un semplice fatto: la coppia non “basta” e il piacere viene quindi ricercato al di fuori della sua sfera. Sta alla singola persona assumere una decisione doverosa: scegliere se proseguire il rapporto di coppia, oppure dedicarsi ad una felice e forse più liberatoria vita da single.

In ogni caso le relazioni clandestine continueranno ad esistere. Praticate da milioni di persone in tutto il mondo, e non sempre “anticamera” della fuoriuscita dal nucleo familiare. Ormai le i mariti e le donne sposate che vogliono tradire sono molti. Bisogna farsene una ragione.

1 commento su “Relazioni extraconiugali: quando una sola avventura non basta”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.